Prevenire il diabete di tipo 2 con lo stile di vita

Evitare il diabete di tipo 2 è possibile. Secondo l’ADI, Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, le modifiche qualitative e quantitative della dieta in associazione all’attività fisica sono in grado di ridurre di circa il 60% il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Una dieta sana e un’attività fisica adeguata possono ridurre di circa il 60% il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

La Terapia Medica Nutrizionale, secondo gli esperti ADI, rappresenta uno strumento essenziale per ottenere e mantenere un compenso metabolico ottimale, per prevenire e trattare al meglio le complicanze croniche micro e macro-vascolari, per ridurre il rischio cardiovascolare, migliorare il profilo lipidico, la pressione arteriosa e il calo ponderale.

L’importanza della dieta mediterranea

“Per prevenire e curare il diabete mellito di tipo 2 sono necessari maggiori interventi sullo stile di vita – dichiara Antonio Caretto, presidente ADI – Il modello di dieta mediterranea si è dimostrato in questo senso un ottimo approccio per la riduzione del peso e della glicemia. Diversi studi clinici hanno dimostrato, infatti, che la dieta mediterranea riduce l’emoglobina glicosilata, il fabbisogno di farmaci ipoglicemizzanti, oltre alla pressione arteriosa e al profilo lipidico”.

Servono più figure professionali dedicate

Le strutture sanitarie pubbliche e i vari centri diabetologici italiani non hanno però, secondo ADI, il necessario personale professionale dedicato (dietologi e dietisti) per implementare l’induzione del cambiamento dello stile di vita, soprattutto dietoterapico, nella persona diabetica, e poter attuare tutte le efficaci strategie dietetico – nutrizionali che sono la componente indispensabile in tutti gli approcci di terapia del diabete mellito.

Un’Unità Operativa di Dietetica e nutrizione clinica per ogni ospedale

“È indispensabile che vi sia in ogni Ospedale – ASL un’ Unità Operativa di Dietetica e Nutrizione Clinica che assista i pazienti diabetici e supporti i centri diabetologici per fornire quell’ottimale livello assistenziale nel migliorare lo stato di salute riducendone le complicanze correlate alla malattia – commenta Antonio Caretto – L’OMS prevede che il diabete mellito possa essere nel 2030 al settimo posto tra le cause principali di mortalità, dato il progressivo aumento globale della malattia (642 milioni nel 2040).

Per questo auspichiamo che il Ministero della Salute, il Governo Italiano e gli assessorati regionali alla sanità credano e investano nella risoluzione di queste criticità a favore di un miglioramento della salute pubblica”.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Medicina Integrata © 2017 Tutti i diritti riservati