Sfida al dolore: nasce il numero verde per i cittadini che soffrono

0
1035

800.894140 È questo il Numero Verde dedicato a chi soffre di dolore  presentato al Senato alla presenza del Responsabile Scientifico dell’Associazione Guido Fanelli e della Senatrice Emilia De Biasi, Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato.

A organizzare e garantire il servizio è H.O.P.E. – Hold On, Pain Ends, neo-nata associazione che si pone l’importante obiettivo di creare una rete tra le realtà di assistenza già esistenti impegnate in questo ambito. Il nome letteralmente significa “Resisti, il dolore finisce”: un bell’incoraggiamento per chi non vede una fine alle proprie sofferenze, e una speranza nuova. I pazienti, le loro famiglie e chi li assiste potranno scoprire a chi rivolgersi, dove andare, quali sono i diritti garantiti dalla Legge 38/2010 (“Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”).

Sono previsti molti servizi, eventi e iniziative in tutta Italia per informare, sensibilizzare, far conoscere e applicare la normativa vigente, riconosciuta anche dall’ONU come ottimo modello di tutela dei cittadini con dolore, ma applicata ancora in modo parziale e difforme sul territorio italiano, e ignorata dal 40% dei cittadini. Il dolore rappresenta un’emergenza sociale ed economica che colpisce un cittadino su quattro (26%), con un costo di oltre 70 miliardi di euro annui, di cui quasi un terzo a carico del Sistema Sanitario Nazionale. «Dobbiamo capire tutti insieme che il dolore è  esso stesso una malattia, e che non alleviarlo o eliminarlo equivale ad una omissione di soccorso» dichiara Beatrice Ferragamo, presidente H.O.P.E.

Tra i testimonial anche Alessandro Cecchi Paone, consigliere H.O.P.E, che e ha annunciato la prossima realizzazione di un progetto editoriale ad hoc: un libro dal titolo Mai più dolore, che darà spazio alle storie di vita vissuta dei pazienti con dolore e alle riflessioni degli esperti sul tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here