Il 3° Congresso Internazionale di Medicina Ayurvedica a Milano in settembre

0
654

postRitorna in Italia il 3° Congresso Internazionale di Medicina Ayurvedica e sarà Milano ad ospitarlo dal 16 al 19 settembre presso il Grand Hotel Villa La Torretta di Sesto S. Giovanni. L’evento, nato nel 2009 per volontà dell’Ayurvedic Point, ha come intento quello di far conoscere e di diffondere l’Ayurveda come disciplina e in particolar modo come medicina. «La prima edizione ha avuto un successo inaspettato – ha spiegato il dottor Antonio Morandi, direttore dal 2002 della Scuola di Medicina Ayurvedica “Ayurvedic Point”, e Presidente della Società Scientifica Italiana di Medicina Ayurvedica – dal quale sono poi scaturite non solo collaborazioni in Europa e in India, ma anche due riviste».

La medicina ayurvedica è una medicina tradizionale indiana che concepisce mente e corpo come una cosa sola. Nella medicina ayurvedica non ci si limita a far passare un sintomo, infatti, l’obiettivo è cercare un riequilibrio con i ritmi della natura.

Parallelamente al Congresso Internazionale di Medicina Ayurvedica, tre anni fa in Germania, nasceva anche INDRA ed è per questo che, in contemporanea al Congresso si terrà anche il 3° Meeting Internazionale di INDRA, il Network internazionale per lo sviluppo e la ricerca su Ayurveda.  «INDRA è un’attività che unifica diverse istituzioni nel mondo – ha continuato il dott. Morandi – al fine di dare vita a linee guida coerenti che coordinino le attività di ricerca sull’Ayurveda e di riconoscimento dell’Ayurveda come sistema medico e di ricerca accreditato a livello mondiale».

L’evento che può contare sulla partnership internazionale di Asthavaidyan Thrissur Thaikat Mooss’SNA Oushadhasala e di SSIMA – Società Scientifica italiana di medicina Ayurvedica, sarà suddiviso in tre sessioni alle quali prenderanno parte sia medici appartenenti al mondo dell’Ayurveda che medici appartenenti al mondo della medicina tradizionale. Le tre sessioni saranno così suddivise: Coerenza dei concetti e visione, Coerenza nella ricerca di base, Coerenza negli studi clinici. Queste tre sessioni permetteranno di avere una visione completa perché, come ha raccontato il dott. Morandi, «Dobbiamo avere una visione e una conoscenza di entrambe i lati; esiste una prospettiva occidentale ed una indiana. La seconda è meno analitica e più sintetica della prima. Dalla loro unione nasce un paradigma della realtà sintetico e superiore».

Sara Pavan

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

[recaptcha]
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here