Amminoacido beta-N-metilammino-L-alanina (BMAA), la spirulina sotto osservazione

663

L’amminoacido beta-N-metilammino-L-alanina (BMAA) è un sorvegliato speciale, oggetto di attenzione e di nuovi studi di parte di ricercatori a livello internazionale. Si ipotizza infatti che l’esposizione ambientale a questa sostanza, attraverso la dieta ad esempio o l’approvvigionamento idrico, possa essere responsabile, o comunque implicata, nello sviluppo di patologie specifiche, in larga misura neurodegenerative. L’indagine e la discussione sulla sostanza sono state tema di uno studio di qualche anno fa (Analysis of β-N-methylamino-L-alanine (BMAA) in spirulina-containing supplements by liquid chromatography-tandem mass spectrometry), ma tuttora attuale, su Aquatic Biosystem.

Perché l’interesse alla BMAA

I cianobatteri, come evidenzia anche l’Istituto superiore di sanità italiano, producono un’ampia gamma di metaboliti secondari (cianotossine) associati a effetti negativi sulla salute degli animali e degli uomini. La maggior parte dei cianobatteri produce BMAA, un aminoacido non proteico neurotossico, originariamente scoperto nei frutti delle cicadine e biomagnificato nella catena alimentare.

La BMAA è stata indicata come possibile agente causale della sclerosi laterale amiotrofica/complesso parkinsonismo-demenza che ha tassi di incidenza estremamente alti, paragonati con il resto del mondo, nella popolazione Chamorro di Guam (Oceano Pacifico occidentale). La BMAA è stata anche rilevata in cervelli di pazienti canadesi e statunitensi con malattia di Alzheimer, dimostrando di non essere circoscritta a Guam, territorio identificato a maggior incidenza e sviluppo.

A ciò si aggiunga che ulteriori e più recenti ricerche hanno focalizzato i possibili effetti cronici di basse dosi di BMAA che possono essere assunte a partire dall’alimentazione. La BMAA ad esempio può essere contenuta in pesce contaminato, può essere introdotta con l’ingestione di acqua lacustre (o possibili infiltrazioni di acqua contaminata nei pozzi artesiani) e svolgendo attività ricreative in aree con fioriture di cianobatteri.

Ovvero diversi studi confermano che un’ampia varietà di cianobatteri spp. sviluppano BMAA, con livelli di produzione dipendenti dalla specie, dal ceppo e dalle condizioni ambientali. Tra questi vi è anche la spirulina, scientificamente nota come Arthrospira spp, appartenente alla famiglia dei Phylum dei Cyanobacteria, cui si è frequentemente esposti attraverso il consumo di integratori alimentari, assunti da un’ampia fetta di popolazione. Pertanto sono sotto osservazione le possibili implicazioni per la salute pubblica legate alla possibile relazione spirulina-BMAA.

Lo studio

Un lavoro di ricercatori canadesi e americano ha provato a dare risposta a questo quesito analizzando dieci campioni contenenti spirulina con l’obiettivo, appunto, di rilevare all’interno l’eventuale presenza di BMAA. L’indagine ha riguardato nello specifico sei campioni di materia prima, cioè spirulina pura/grezza proveniente da due diversi fornitori e quattro prodotti, green drink, bevande multi-ingrediente disponibili in commercio contenenti 1,45 g di spirulina per porzione da 8,5 g.

L’analisi dei livelli di BMAA potenzialmente presente nella materia prima o nel prodotto, e per dirimere dubbi o controversie, è stata condotta facendo ricorso a metodi complementari di cromatografia liquida-spettrometria di massa (LC-MS/MS). L’accuratezza dell’indagine ha permesso di stabilire l’assenza di BMAA a limiti di rilevamento bassi (80 ng/g di peso secco) nei vari campioni di prodotto esaminati.

In conclusione

Sebbene i risultati siano rassicuranti, i ricercatori suggeriscono la necessità di indagare la presenza di BMAA su una selezione di campioni più ampia e che tale indagine rientri a far parte dei test e delle analisi di controllo qualità della produzione di spirulina.

Fonte:

  • McCarron P, Logan AC, Giddings SD, Quilliam MA. Analysis of β-N-methylamino-L-alanine (BMAA) in spirulina-containing supplements by liquid chromatography-tandem mass spectrometry. Aquat Biosyst. 2014 Aug 8;10:5.