Anemia, l’importanza dell’integrazione di ferro

912
Pregnant woman drinking water sitting on sofa. Young expectant lady have rest at home with glass, copy space. Pregnancy, healthcare, thirst concept

L‘anemia nelle donne in età riproduttiva è una delle principali sfide per la salute pubblica, con un impatto a lungo termine sulla loro salute e su quella dei loro figli, oltre che sullo sviluppo economico. Colpisce mezzo miliardo di donne in età riproduttiva in tutto il mondo. L’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è quello di arrivare a una riduzione del 50% della cifra entro il 20251.

Pregnant woman drinking water sitting on sofa. Young expectant lady have rest at home with glass, copy space. Pregnancy, healthcare, thirst concept

A tal proposito Integratori Italia fa il punto sulla supplementazione del ferro in gravidanza e nella lotta globale contro l’anemia. Come afferma l’OMS infatti, «Una dieta contenente quantità adeguate di ferro biodisponibile dovrebbe essere sostenuta per la prevenzione e il controllo dell’anemia». Tra le fonti alimentari di ferro vi sono carne, alcuni cereali integrali, legumi, noci, verdure verdi e frutta secca.
In molte parti del mondo tuttavia il consumo di ferro tra le donne in gravidanza è inferiore ai valori consigliati; occorrerebbe perciò ricorrere a una corretta supplementazione. In particolare, l’OMS raccomanda l’integrazione di ferro per donne in età fertile.

Tra i potenziali fattori scatenanti la carenza di ferro si segnalano: infezioni/infiammazioni, carenze di micronutrienti diverse dal ferro (ad esempio vitamina B12 e folato) e fattori genetici, come le emoglobinopatie. In quest’ultimo caso, le dimensioni e il numero dei globuli rossi di un individuo (la concentrazione di emoglobina) scendono al di sotto di un certo livello e di conseguenza la capacità del sangue di trasportare l’ossigeno in tutto il corpo risulta alterata. Ciò può influire sulla capacità fisica, sulle prestazioni lavorative e sulla funzione cognitive.