I tascabili della collana Salute e Vita di Bruno Brigo

2235

È nata una nuova collana in formato tascabile dedicata alla prevenzione della salute attraverso una corretta alimentazione. Quattro i libri pubblicati a firma del dottor Bruno Brigo: la dieta acido-base, la dieta vegetariana, la dieta dei gruppi sanguigni e la dieta mediterranea.

La dieta acido-base

La salute dipende in buona parte dall’equilibrio acido-base. Lo stile di vita moderno ci espone continuamente al rischio di un accumulo progressivo di sostanze acide (stress, sedentarietà, eccesso di zuccheri semplici, farinacei, prodotti da forno, proteine animali, carni, formaggi, sale, caffè, bevande a base di cola) che predispone a numerosi disturbi e malattie (stanchezza, mal di testa, dolori articolari, osteoporosi). Per ristabilire il corretto equilibrio acido-base vanno adottate misure alimentari (apporto di verdura e frutta fresca di stagione, alimenti integrali e biologici, olio di oliva) e dello stile di vita (movimento regolare, riposo, sonno).

La dieta vegetariana

Diversi studi lo confermano: chi segue una dieta vegetariana vive più a lungo ed è più sano. I dati scientifici rivelano chiaramente che i cibi naturali di origine vegetale rappresentano la dieta di gran lunga più salutare che si possa seguire in quanto riducono drasticamente il rischio di malattie cardiovascolari, diminuiscono l’incidenza di tumori e malattie autoimmuni, permettono di gestire più facilmente la perdita di peso, apportano preziosi nutrienti protettivi che contrastano l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento, ottimizzando lo stato di salute e di benessere. Le ragioni che comunemente sono alla base della scelta vegetariana includono motivazioni etiche di rispetto per la vita animale, attenzione per la salute e preoccupazione per l’ambiente.

La dieta dei gruppi sanguigni

La proposta del naturopata americano Peter D’Adamo consiste nel considerare i 4 gruppi sanguigni (0, A, B, AB) come la chiave interpretativa dell’evoluzione dell’uomo. La nostra appartenenza a uno dei gruppi sanguigni costituisce l’impronta genetica che caratterizza la nostra identità, condiziona la nostra reattività ed i nostri comportamenti, predispone le nostre capacità digestive e di difesa. La conoscenza del proprio gruppo sanguigno con i punti di forza e di debolezza, orienta nella scelta di alimenti e comportamenti su misura favorevoli per la propria salute. Con le dovute attenzioni questa dieta ha il pregio di ricordare l’importanza fondamentale del patrimonio genetico nel condizionare la nostra vita.

La dieta mediterranea

Non siamo nati unicamente da nostra madre. Anche la terra è nostra madre che penetra dentro di noi con ogni boccone che mangiamo, con i sapori, i colori, le nostre tradizioni. Nel 2004 la dieta mediterranea è stata proposta come modello per mangiare bene e stare meglio, nel 2010 l’Unesco ha riconosciuto la dieta mediterranea come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, da intendere come stile di vita valido per le nuove generazioni. Il successo di tale proposta nella prevenzione delle malattie da civilizzazione è nella sua composizione: una dieta varia caratterizzata da consumo di vegetali, frutti, legumi, uova, pesce, con moderato apporto di carne, olio e vino, associata ad una regolare attività motoria e ad una vita serena e solidale.