Benefici dell’agopuntura sul dolore miofasciale cronico temporo-mandibolare

Sono stati confrontati gli effetti dell’agopuntura vera su punti trigger verso agopuntura sham sul dolore e sulla funzione del cavo orale in pazienti con disordini temporo-mandibolari. In questo studio della durata di 10 settimane sono stati inclusi 16 volontari provenienti da una scuola di agopuntura che presentavano dolore miofasciale cronico a carico dell’articolazione temporo-mandibolare da almeno 6 mesi. I partecipanti sono stati assegnati random al gruppo con agopuntura vera o sham per cinque sedute. I risultati dello studio sono stati valutati considerando l’intensità del dolore (scala analogica visiva) e la funzionalità del cavo orale (massima apertura della bocca). Dopo il trattamento, l’intensità del dolore è risultata minore nel gruppo trattato con agopuntura su punti trigger, rispetto al gruppo trattato con agopuntura sham; la funzionalità del cavo orale è risulta invariata in entrambi i gruppi. L’intensità del dolore è diminuita sia come valutazione intragruppo che in termini comparativi; in particolare, nel gruppo con agopuntura trigger è stata registrata una diminuzione significativamente del dolore fra la rilevazione pre-trattamento e quella fatta dopo 5 settimane di agopuntura su punti di trigger (p <0,001) e verso agopuntura sham (p <0,050). La comparazione degli effetti registrata nei due gruppi (utilizzando l’area sotto la curva) ha evidenziato una differenza significativa tra i gruppi (p=0,0152). Gli autori della sperimentazione ritengono che l’agopuntura su punti trigger possa essere più efficace dell’agopuntura sham nel trattamento del dolore miofasciale cronico in area temporo-mandibolare. Ricerca realizzata da associati a: Department of Clinical Acupuncture and Moxibustion, Meiji University of Integrative Medicine, Kyoto, Giappone. Itoh K, Asai S, Ohyabu H, Imai K, and Kitakoji H. Effects of trigger point acupuncture treatment on temporomandibular disorders: a preliminary randomized clinical trial. J Acupunct Meridian Stud. 2012, Apr;5(2):57-62.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Medicina Integrata © 2017 Tutti i diritti riservati