Medici e tecnologia, un gap da superare

Obtaining statisticsLa tecnologia nella società moderna sta prendendo sempre più il sopravvento e fa ormai parte della quotidianità di ciascuno di noi. Anche la medicina, inevitabilmente, si è avvicinata alla scienza e alla tecnica, basti pensare alla scoperta dei raggi X e lo sviluppo della diagnostica strumentale che ne è conseguita, che hanno trasformato in modo radicale la medicina e l’hanno consegnata definitivamente nelle mani delle macchine.
Le opinioni dei medici sull’utilizzo dei macchinari, però, sono discordanti; c’è chi, come Osvaldo Sponzilli, medico agopuntore di Roma, non ha un buon rapporto con le macchine e favorisce l’approccio tradizionale e spiega: «nell’attività quotidiana prediligo i test manuali a quelli meccanici, anche se sul piano terapeutico, invece, se necessario, mi avvalgo anche delle macchine, come ad esempio nella medicina anti-aging». Invece Alessandro Formenti, medico veronese specialista in Scienza dell’alimentazione e in Idrologia Medica, è dell’idea che «la medicina vincente è quella integrata. Una diagnosi per essere precisa non deve disdegnare l’utilizzo di questi strumenti che, nella maggior parte dei casi, sono poco invasivi e di grande utilità». E dell’opinione che la giusta soluzione sia nel mezzo è anche Carlo Maria Rezzani, medico del SSN di Como, infatti, spiega che «come medico, cerco di ascoltare e comprendere i miei pazienti, ma non disdegno neppure di inviarli, se necessario, a fare una TAC o un’angioplastica coronarica se ne avessero davvero bisogno. Sarebbe insensato non porre al centro della medicina il paziente sempre e comunque». Chi non ha dubbi è il direttore della Scuola di Agopuntura CSTNF di Torino Piero Ettore Quirico, secondo il quale questa disputa non dovrebbe neppure sussistere: «Non dovrebbe mai essere una questione ideologica – ha spiegato – ma sempre e solo una scelta dettata dal quadro clinico del paziente. In alcuni casi un esame diagnostico può risultare molto utile per la prognosi e la cura del paziente, in altri contesti, invece, essere inutile o rischioso per il malato». Anche per Attilio Speciani, immunologo e direttore scientifico di Eurosalus, i macchinari possono essere strumenti di estrema utilità per il medico, in diversi ambiti. «Il computer, per esempio, consente di conservare traccia della storia clinica del paziente – spiega Speciani –. Permette di confrontare la bibliografia e la letteratura internazionale reperibile in internet anche in merito a particolari casi clinici di cui si cerca conferma».
Dunque la verità, a quanto pare risiede nel mezzo, e anche in medicina, come nella vita di tutti i giorni, stare al passo con i tempi e di conseguenza con la tecnologia, può risultare indispensabile e di vitale importanza. Spesso i macchinari aiutano a salvare la vita e ad individuare particolari patologie non visibili all’occhio umano, poi si sa che, anche il medico in sé farà la sua parte.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Medicina Integrata © 2017 Tutti i diritti riservati