Osteopatia, lettera aperta delle associazioni per sbloccare l’iter

0
51

«A quasi tre anni dalla legge 3 del 2018, poco o nulla è cambiato nella situazione dell’osteopatia in Italia: vige ancora una profonda incertezza, nella quale i professionisti sono sospesi in attesa della normativa di attuazione». Esordisce così la lettera aperta firmata dalle principali associazioni che rappresentano l’osteopatia in Italia (Registro degli Osteopati d’Italia, Associazione Italiana Scuole Osteopatia, Associazione Professionale degli Osteopati e Federazione Sindacale Italiana Osteopati) per invitare le istituzioni a sbloccare l’iter legislativo e completare il riconoscimento della professione.

«Il momento di difficoltà del COVID, poi, ha aggiunto ulteriore criticità per la categoria, come per tutti i professionisti, aggravate dalla mancanza di indicazioni chiare che li riguardassero a causa dell’assenza di un riconoscimento formale.
Gli utenti, tuttavia, hanno confermato piena fiducia all’osteopatia e ai propri professionisti di riferimento, e sono tornati nei nostri studi per riprendere i trattamenti interrotti. Questo ci dà fiducia sul percorso che abbiamo intrapreso e che ha visto, da parte nostra, molti passi in avanti nell’approfondimento di quello che siamo e saremo nel contesto delle professioni sanitarie.

Le associazioni hanno supportato le istituzioni nazionali nell’istruttoria sul profilo professionale e superato le numerose difficoltà che si sono poste lungo il processo per arrivare a una mediazione efficace e coerente con il contesto e con quanto rappresentato dall’osteopatia.
Ancora oggi, tuttavia, dopo quasi tre anni di attesa, siamo a un punto morto. Il profilo professionale è da tempo in un cassetto della Conferenza Stato-Regioni, in attesa della calendarizzazione, dell’esame e di un accordo che possa portare a un primo passaggio ufficiale e dare il via all’istruttoria sulla formazione».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here