Omeocom: campagna di raccolta firme per i farmaci omeopatici

L’Europa ha riconosciuto la validità e la specificità dei medicinali omeopatici e ha richiesto ai Paesi membri di registrarli con una procedura semplificata, diversa da quella per i medicinali tradizionali.

Ma in Italia, a causa di procedure eccessivamente complesse e di costi altissimi per la registrazione, molte delle terapie omeopatiche da decenni sul mercato, potrebbero non essere più disponibili.

Aspetto importante, in un momento di crisi economico – finanziaria come quello che stiamo vivendo, è che a tutt’oggi il settore dell’Omeopatia continua a crescere: occupa migliaia di persone e destina più del 3% alla ricerca medico-scientifica. Il Comitato in difesa dell’omeopatia ha indetto una raccolta firme per sostenere e difendere l’Omeopatia e i suoi farmaci:

• per far sì che l’Agenzia Italiana del Farmaco favorisca l’effettiva registrazione semplificata dei medicinali omeopatici attualmente presenti sul mercato;

• non imponga regole inadeguate e costi sproporzionati che limiterebbero e escluderebbero moltissimi farmaci, impedendo di fatto ai cittadini la libertà di scelta terapeutica, un principio fondante il Sistema Sanitario Nazionale.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Medicina Integrata © 2017 Tutti i diritti riservati