Osteopatia, i benefici per i neonati prematuri

0
483

Si celebra oggi, 17 novembre, la Giornata mondiale della prematurità. A tal proposito, un supporto utile per i neonati prematuri può arrivare dall’osteopatia. Grazie al trattamento manipolativo osteopatico, infatti, è possibile ottenere un miglioramento clinico che consente di accorciare la degenza dei neonati. Per l’occasione, il Registro degli osteopati d’Italia (Roi) ha diffuso alcune informazioni utili sul tema.

Dei 421.913 bambini nati in Italia nel 2019, il 6,7% sono nati prima del termine. Una percentuale che corrisponde a circa 28mila bambini. È quanto emerge dal più recente rapporto annuale sull’evento nascita in Italia, a cura dell’Ufficio di Statistica del Ministero della Salute, che analizza i dati rilevati per l’anno 2019 dal flusso informativo del Certificato di Assistenza al Parto (CeDA). Come accennato, una soluzione efficace nel trattamento dei bimbi prematuri è rappresentato dall’osteopatia. Sono sempre più numerosi gli osteopati italiani impegnati all’interno delle strutture ospedaliere pubbliche, in un approccio integrato con gli altri professionisti sanitari.

Osteopatia pediatrica, i benefici

Grazie al trattamento manipolativo osteopatico è possibile ottenere un miglioramento clinico evidente nei neonati pretermine trattati. Miglioramento che consente di ridurre i tempi di degenza in ospedale. Diversi studi, infatti, hanno evidenziato un aumento del peso ponderale dei bambini trattati, con un conseguente accorciamento del periodo di permanenza in ospedale.

Nei reparti di terapia intensiva neonatale l’osteopatia si è rivelata utile per cercare di aumentare le performance di tipo respiratorio e gastro-intestinali e nel trattamento delle particolari posture che assumono i bambini che stanno molto tempo all’interno delle incubatrici in posizioni obbligate.

La gestione del neonato prosegue spesso anche dopo le dimissioni dal reparto, per il trattamento di alcuni degli esiti più frequenti legati alla prematurità. Tra questi, plagiocefalie e dismorfismi cranici posizionali, asimmetrie posturali infantili, coliche e reflussi, disturbi respiratori, promozione del corretto sviluppo neuromotorio.

Per favorire una maggiore diffusione della conoscenza dei benefici che l’osteopatia può apportare ai neonati pretermine, il Roi ha realizzato un video, disponibile sul canale Youtube dell’associazione, in cui tali benefici sono esposti attraverso la testimonianza di osteopati del Roi e di neonatologi che operano nel settore.