Femtec: è mancato il presidente Umberto Solimene

513

La Federazione mondiale delle Terme (Femtec) annuncia la scomparsa del presidente Umberto Solimene, mancato improvvisamente sabato 15 luglio. Medico chirurgo milanese, specializzato in medicina termale, era diventato presidente di Femtec nel 2014, primo italiano a dirigere la federazione internazionale.

Chi era Umberto Solimene

Nato a Milano 14 maggio 1942, aveva conseguito la laurea in Scienze Geologiche all’università di Pavia nel 1971 e quella in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1981. Dal 1981 al 2012 è stato professore di ruolo di Terapia medica e Medicina termale presso l’ateneo milanese, diventandone, nel 1994, direttore del centro di Ricerche in Bioclimatologia Medica e nel 2002 del Centro di Ricerche in Talassoterapia. Dal 2007 al 2012 è stato direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina termale dell’Università degli Studi di Milano. Dal 2013 a oggi, infine, è stato presidente del Centro di Ricerche in Bioclimatologia e Medicina termale della medesima università.

Nel 2014 è subentrato a Nikolai Storozhenko alla guida di Femtec, guadagnando per la Federazione, l’anno successivo, l’accreditamento presso l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) come unica organizzazione non governativa del settore.

Il saluto della Federazione

I membri del Consiglio della Federazione Mondiale delle Terme si uniscono al cordoglio della famiglia e dei numerosi colleghi che hanno collaborato con il professore nel corso della sua lunga carriera.

«Era una persona speciale, un grande professionista dalle elevate qualità morali, sempre pronto a dare il suo sostegno a tutti, a creare sinergie, a sviluppare nuove iniziative. Femtec subisce una grande e dolorosa perdita così come tutti gli amici e colleghi. Una grande perdita per tutto il mondo della balneologia» ha dichiarato Olga Surdu, vicepresidente Femtec, a nome di tutti i membri del Consiglio della Federazione.